Dove nasce l’XLam

Ecco dove nasce l’XLam.

Pannelli di XLam accatastati pronti per il trasporto

L’XLam – in inglese CLT – è il nocciolo portante delle nostre costruzioni ed è stata una vera rivoluzione nel mondo della ingegneria e dell’architettura degli ultimi anni. Diffusa in tutto il mondo questa tecnologia viene realizzata anche nella nostra zona da ditte locali che utilizzano assi in legno lamellare incollandole a strati incrociati formando i solidissimi pannelli di XLam.

Fedele al nostro indirizzo di riduzione dei costi e dell’impatto ambientale connesso con il trasporto utilizziamo i pannelli prodotti nella zona di impiego.

Inventato vent’anni fa l’XLam viene prodotto localmente da almeno 10 anni nel nostro lato delle Alpi ed i nostri produttori esportano pannelli in tutta Italia e anche all’estero dimostrando che la qualità del prodotto non ha nulla da invidiare ai prodotti d’oltralpe.

 

 

La tecnica costruttiva è abbastanza semplice, le assi grezze di abete rosso vengono standardizzate in spessore e larghezza, le assi più corte vengono unite con un sistema a dita incrociate detto finger joint che permette di raggiungere la lunghezza stabilita.

Il sistema di collegamento Finger Joint garantisce  che il punto di unione sia ancora più resistente della parte continua, si riesce quindi a garantire continuità di resistenza anche dove c’è l’unione delle assi.

Finger joint collegamento a dita incrociate

Le assi sono controllate da una macchina dotata di un occhio elettronico che identifica automaticamente i difetti – come i nodi – del legno naturale e eliminando la sezione con un taglio netto quando il difetto è rilevante.

Il tavolame – così ingegnerizzato – viene disposto a fibre incrociate è passato sotto una pressa che comprime le fibre tra loro incollate con una pressione che arriva a 10 kg al centimetro quadrato.

L’XLam così ottenuto è un tavolone di metri 13,5 × 3,5, Si tratta quindi di un pannello adatto a realizzare per esempio un piano di una casa.

Pannello intero di XLam

I pannelloni di XLam vengono realizzati al grezzo con spessori variabili a partire da 60 mm di spessore fino a spessore molto maggiori per carichi maggiori.

Tipicamente lo spessore di un pannello per una casa a 1 o 2 piani è di 100 mm (10 cm), una casa a tre piani 140 mm (14 cm per il piano terra).

Si possono utilizzare spessori maggiori per realizzare anche i solai degli edifici benché nella maggior parte dei casi si utilizzi un sistema di travi lamellari per questo tipo di applicazione.

Il pannellone in XLam uscendo dalla pressa viene portato  ad una macchina a controllo numerico che si occupa del taglio a misura degli elementi.

Pressa di pannelli XLam

La macchina a controllo numerico ottimizza le forme delle sezioni ricavando pannelli tagliati millimetricamente perfetti pronti per alloggiare quello che il progettato prevede come

Pannelli di XLam appena prodotti

finestre, travi del solaio, passaggio impianti e quant’altro richiesto.

Nelle costruzioni in legno il pannello in XLam sostituisce la muratura tradizionale.

L’XLam è concettualmente simile al muro tradizionale per quanto riguarda il suo funzionamento strutturale infatti si tratta sempre di una struttura lineare capace di resistere a grossi sforzi orizzontali nella direzione della sua lunghezza.

Questa caratteristica lo rende fortemente antisismico. E’ infatti dotato di una forte resistenza residua. Anche in caso di violento terremoto il pannello in XLam – intrinsecamente iperstatico – mantiene riserve di resistenza molto elevate garantendo la sicurezza degli abitanti.

Qualora se ne volesse sapere di più sarei lieto di organizzare una visita agli stabilimenti produttivi dell’ XLam per vedere dove nasce l’XLam.  È una bellissima esperienza – per chi ha intenzione di costruire la nuova casa o per chi vuole saperne di più – di entrare nell’atmosfera controllata e profumata di pino della fabbrica dove nasce l’XLam.

" Ligno : ."

Commenti chiusi.